top of page

Fare il Pane: come scegliere la farina migliore per il risultato migliore?

Aggiornamento: 21 giu


Panificazione scopri la farina migliore da utilizzare
Panificazione scopri la farina migliore da utilizzare


Ma cosa intendo con "Scegliere la Farina Migliore"?

Il pane è uno degli alimenti piu antichi e più semplice e per questo dal profondo valore affettivo. Quanti ricordi, quante emozioni, quanta storia e quanti significati porta con sé il pane, eppure e' realizzato con soli quattro ingredienti: acqua, lievito, farina e sale.


Scegliete però la Farina Migliore, altrimenti diventerà tutto un alimento “complicato”. Scegli materie prime scadenti, lavorale male o aggiungi altri ingredienti (inutili) per rovinare il gusto e il piacere del buon pane. Tutti noi abbiamo vissuto un'esperienza dopo aver acquistato un bel pane dal negozio e poi essere rimasti delusi dal sapore o confusi dal rapido indurimento della crosta e della mollica. Questo è anche il motivo per cui a molte persone piace fare il pane in casa. , Ma qual è la farina migliore da utilizzare per fare il pane?


Che sia integrale o raffinata, di frumento o di segale, è consigliabile sceglierla correttamente e saperla utilizzare correttamente. Scopriamo come cercare tra le decine di farine in commercio e scegliere quella migliore.


Comprendere le basi della preparazione del pane

Prima di discutere tipi specifici di farina, è fondamentale comprendere i componenti essenziali della farina e il loro ruolo nella panificazione, quindi scegliere la farina migliore è fondamentale.


La farina è composta da amido e proteine. Le proteine del glutine presenti nella farina, ovvero glutenina e gliadina, conferiscono al pane la struttura e la capacità di lievitare. Creare l’equilibrio ideale nello sviluppo del glutine è fondamentale; troppo poco glutine si traduce in una pagnotta densa, mentre troppo può rendere il pane duro e gommoso.


Come scegliere la farina migliore per la preparazione del pane e perché è così importante? La risposta è il glutine!


E se ne volete tanta, ci vuole una farina adatta per il vostro pane.

Il glutine è l'"agente segreto" che trasforma l'impasto di acqua, farina e lievito in fragranti pagnotte di pane. Questo complesso di sostanze proteiche presenti nella farina dona forza ed elasticità all'impasto perché intrappola i gas della fermentazione e permette di ottenere un pane ben lievitato e una mollica morbida. Ma non tutte le farine contengono glutine. E chi ne è sprovvisto non può essere utilizzato per fare il pane, almeno per ottenere un pane autentico.


Fortunatamente esistono molte farine per la panificazione . Tuttavia, non tutte hanno gli stessi risultati e queste potrebbero non essere la farina migliore per quello che vuoi ottenere.


La farina n.1 per fare il pane è quella di grano tenero, ricca di amido ma povera di fibre e proteine. Mescolateli con farina ricca di glutine (come la farina Manitoba) per ottenere un pane ben lievitato, che è meglio. Le diverse tipologie sono indicate sulla confezione da un numero che indica il grado di raffinazione.


La più bianca e raffinata è la farina 00 , anche quella più utilizzata recentemente dai panificatori. Ma oggi si preferiscono farine meno raffinate (come 1, 2) o integrali perché apportano più fibre (di cui manca l'alimentazione moderna) e minerali, danno un pane più appagante e non aumentano la glicemia. Se non vi piace il gusto particolare della farina integrale potete scegliere la farina 2: praticamente semi integrale. Ha un ottimo profilo nutrizionale ed è più facile da lavorare rispetto alla farina integrale. Quindi è una buona alternativa alla preparazione del pane naturale.


Ora parliamo di come scegliere la farina migliore per il tuo pane.

Milioni di persone hanno chiesto quale sia la farina migliore e la risposta è una sola: la farina dovrebbe essere ricca di proteine. La gente la chiama "forza", la quantità e la tenacia del glutine che la farina può sviluppare. Più proteine contengono i chicchi di cereali, migliore sarà la lievitazione dell'impasto.


Naturalmente la forza non è l’unico parametro che conta. Anche il grado di ceneri (ciò che rimane dopo la lavorazione del grano) aspira a diventare un fattore decisivo di tutto rispetto e alla fine ci riesce.


Ma qual è la farina migliore?

C'è qualcosa di innegabilmente soddisfacente nell'aroma del pane appena sfornato che permea la tua casa. Come panettiere casalingo, scegliere la farina migliore per il tuo pane fatto in casa può essere un compito complicato. Con la miriade di opzioni disponibili, dalla farina multiuso a quella integrale, dalla farina per pane alle farine alternative, è essenziale comprenderne le caratteristiche e il modo in cui possono influire sulla consistenza, sul sapore e sul successo generale della pagnotta. Questo articolo approfondisce la scelta della farina, guidandoti in un viaggio ricco di farina per aiutarti a scegliere con sicurezza la farina migliore per il tuo pane fatto in casa.


Le tante tipologie di Farine
Le tante tipologie di Farine

Farina Multiuso: La Scelta Versatile

Grazie alla sua versatilità, la farina multiuso è una scelta popolare per molti panettieri casalinghi. È una miscela di farine di grano duro e tenero, offre un contenuto proteico medio e un equilibrio tra sviluppo del glutine e tenerezza. Questo lo rende adatto a varie ricette di pane, dai panini al pane artigianale. Se stai iniziando con la panificazione, la farina multiuso è una scelta affidabile per familiarizzare con il processo.


Farina di pane: la centrale elettrica del glutine

Per coloro che cercano un contenuto proteico più elevato e una mollica più strutturata, la farina di pane è l'opzione ideale. Con una percentuale proteica più elevata rispetto alla farina multiuso, in genere intorno al 12-14%, la farina per pane favorisce lo sviluppo ottimale del glutine. Ciò si traduce in una lievitazione eccellente e una consistenza più gommosa nella pagnotta finita. La farina per pane è particolarmente adatta per ricette che richiedono fermentazioni importanti, come il lievito madre o il pane rustico artigianale.


Farina Integrale: Nutriente e Saporita

La farina integrale viene macinata dal chicco di grano, compresi crusca, germe ed endosperma, rendendola ricca di nutrienti e conferendo un distinto sapore di nocciola. Con un contenuto di fibre più elevato, la farina integrale aggiunge nutrimento e profondità al tuo pane fatto in casa. Tuttavia, a causa della crusca e del germe che interferiscono con la formazione del glutine, il pane integrale tende ad essere più denso e richiede maggiore umidità. Combinare la farina integrale con la farina multiuso o per il pane aiuta a trovare un equilibrio tra struttura e sapore.


Esplorare la produzione del pane con la farina oltre la tradizione

Se stai cercando di avventurarti in farine alternative, le opzioni abbondano. Dalle farine di noci come mandorle o nocciole alle opzioni senza cereali come farina di cocco, grano saraceno o quinoa, queste alternative offrono sapori unici e soddisfano esigenze dietetiche specifiche. Tuttavia, è importante notare che le farine alternative spesso sono prive di glutine o si comportano diversamente durante la cottura, risultando potenzialmente in una consistenza più delicata o friabile. La sperimentazione e l'adattamento della ricetta possono essere necessari quando si sostituisce con farina alternativa.


Il grano tenero , l'ingrediente più adatto alla panificazione

Probabilmente scoprirete l'equilibrio di questi due elementi in alcune farine di grano tenero, l'ingrediente più adatto alla panificazione (non solo pane ma anche pizza e dolci di pasticceria).


La bellezza del colore Oro Grano
La bellezza del colore Oro Grano

Checché ne dica, la farina tipo 0 non è la mia scelta per fare il pane; è consigliato per dolci e pasta fatta in casa. 00 va bene anche lui, ma sappiate che è un prodotto molto raffinato. Si ottiene direttamente dal cuore del chicco ed è quindi più ricco di proteine e zuccheri. Tuttavia, la farina di tipo 1 viene utilizzata per la panificazione di alta qualità, mentre la tipo 2 è qualitativamente migliore, soprattutto se macinata a pietra.


Lodo soprattutto la farina integrale (sempre di grano tenero), ottimale per il pane lievitato e azzimo e per arricchire un impasto di fibre naturali. Puoi mescolarli se un chicco intero è troppo forte per i tuoi gusti.


Farina speciale per panificazioni per pangrattato morbido e alveolato nel tuo pane fatto in casa... è questa la Farina Migliore?

Pur facendo parte della stessa famiglia, la Farina Manitoba non è inclusa nella prima lista perché è una farina unica prodotta con grani unici. Contiene un notevole livello di glutine ed è quindi perfetto per supportare le lunghe lievitazioni, quelle che danno vita ad impasti dalla mollica morbida e alveolata, dalla crosta croccante e dal profumo caratteristico.

Sapore intenso e gusto ricco: le altre farine



i poggiaguancia dell'amore fioriscono in poppadom
La farina può provenire praticamente da tutto

Farine Alternative per la Panificazione:

Sono comparsi nelle panetterie qualche anno fa e sono diventati trendy. Si tratta di pani preparati con farine alternative, come la segale o il farro. Questi cereali hanno un buon valore nutrizionale, quindi potete usarli anche per fare il pane in casa.


La farina di farro apporta più proteine e minerali (in particolare magnesio, che ha un effetto antistress) rispetto al grano. Miscelato con farina di grano tenero, dona pane e focacce delicatamente aromatici. Un pane straordinariamente sano e nutriente può essere abbinato alla farina di avena, ricca di proteine e fibre singole (beta-glucani) ed efficace nel controllo del colesterolo.


La farina di segale è l'ingrediente principale del pane tedesco. È aromatico e aspro, dura a lungo e altamente saziante. Ricco di fibre ed energia ma povero di calorie, è stato associato alla riduzione del colesterolo nel sangue perché riduce l'assorbimento dei grassi. Il suo limite è che contiene poco glutine; quindi deve essere impastata con farina di grano tenero per fare il pane. La farina di segale non contiene molto glutine e va aggiunta agli impasti con farina di frumento per ottenere un pane croccante e decisamente rustico.


Panificazione con Farine “Senza Glutine”.

Il pane può essere preparato anche con cereali senza glutine , come il mais, la cui farina, mescolata al grano tenero, dona un tocco rustico al vostro pane, è la farina migliore da utilizzare per chi segue una dieta senza glutine.


La farina di riso è inoltre priva di glutine, il che la rende un'ottima base perché riesce a "diluire" il gusto e il carattere degli ingredienti che abbina (ad esempio attenua l'amaro della farina di lupini o della farina di soia dolce scottata).


Queste farine possono però essere utilizzate anche da sole, seguendo le ricette specifiche del pane senza glutine, che prevedono più ingredienti del pane comune, e applicando sapienti accorgimenti, come quelli forniti da Cécile Decaux e Florence Solsona nel bellissimo libro Pane con Semi e Farine Sane, edito da Red!


In realtà la farina “senza glutine” dovrebbe essere utilizzata anche da chi non è celiaco perché abbinata a piccole dosi al tradizionale impasto del pane, gli conferisce un gusto nuovo e particolare.


Alla farina di riso si può aggiungere la farina di grano saraceno e la farina di teff per ottenere un pane dal sapore rustico e dalla croccantezza imbattibile.


Farina Di Legumi E Canapa

Un altro abbinamento vincente è quello con la farina di legumi (come ceci, piselli, lupini o lenticchie): dal loro impasto si crea un pane fragrante e dall'ottimo sapore. Chi ama i gusti dolci non rimarrà deluso dal pane realizzato mescolando la farina di riso con la farina di castagne, che è naturalmente ricca di zucchero e dal profumo intenso.


Sorprendente è la farina di canapa, che ha un leggero sapore di nocciola e va usata in piccole quantità insieme alla farina di riso. Quantità minime sono consigliate anche per la farina di amaranto , il cui gusto rustico viene esaltato dall'aggiunta di semi di girasole o di papavero.


Se parliamo di mix, invece, i più audaci possono sempre affidarsi al sapore intenso e al gusto ricco della farina di farro, al colore brillante della farina d'orzo, alla leggerezza degli impasti in cui è presente la farina di riso (è ricca di amido, deve essere aggiunto in piccola parte nell'impasto), alle note dolci di quello delle castagne — anche, le molteplici proprietà nutritive della quinoa o la consistenza granulosa e il gusto deciso della maizena.


Per queste farine che hanno bisogno di aiuto

Ci sono cereali con cui puoi preparare deliziose pagnotte di pane, ma hai bisogno di un piccolo aiuto. Come il grano duro , che si ottiene dalla macinazione della semola , una farina di colore giallo dorato, grossolana e granulosa, con una struttura proteica più compatta la rende perfetta per la produzione di pasta secca.


Sottoponendo la semola ad una seconda macinazione, la “farina rimacinata”, detta anche “farina di grano duro”, produce il pane dorato e duraturo tipico dell'Italia centro-meridionale. La "farina rimacinata" è ricca di proteine (e quindi di glutine) e assorbe molta acqua, creando un ottimo pane. Anche il Kamut è grano duro e, utilizzandolo, si ottiene un pane delizioso dal caratteristico aroma di nocciola.


Adoro mescolarli e abbinarli, a seconda del risultato finale desiderato. Diverse percentuali di fiori e semi elevano il gusto del prodotto finale come se non fosse possibile creare una sinfonia con una sola nota.


Mentre intraprendi il tuo viaggio nella panificazione fatta in casa, ricorda che la scelta della farina adatta dipende in ultima analisi dalle preferenze personali e dal risultato desiderato della tua pagnotta. Inizia con le nozioni di base, come la farina multiuso o quella per il pane, per stabilire una base di conoscenza e acquisire fiducia nelle tue capacità di panificazione. Da lì puoi esplorare il mondo delle farine, scoprendo i sapori e le caratteristiche uniche che portano con sé.


Considera fattori come il contenuto proteico , lo sviluppo del glutine e la consistenza e il sapore complessivi che desideri ottenere. Non esitare a mescolare farine diverse per creare la tua miscela personalizzata e personalizzare il tuo pane secondo i tuoi gusti. La panificazione è un'arte in continua evoluzione e sperimentare farine diverse ti consente di creare un pane che parli delle tue papille gustative e delle tue scelte dietetiche.


Quindi, indossa il grembiule, raccogli gli ingredienti e lascia che la farina ti guidi mentre intraprendi il soddisfacente viaggio della panificazione fatta in casa. Ora che capisci in che modo le scelte della farina possono influenzare i tuoi pani con ogni lotto che impasti e dai forma, abbraccia la gioia di guardare l'impasto lievitare, assapora gli aromi che si diffondono dal tuo forno e goditi l'orgoglio di affettare una pagnotta appena sfornata che nutre e delizie.



4 visualizzazioni0 commenti

Comments

Rated 0 out of 5 stars.
No ratings yet

Add a rating
bottom of page